Futuro artigiano: cosa si è detto

E’ stata davvero interessante la presentazione del libro di Stefano Micelli “Futuro artigiano. L’innovazione nelle mani degli italiani”.
I relatori hanno parlato di moltissimi temi, tutti a grandi linee centrati sul “LAVORO”.
– come le tecnologie hanno cambiato il mondo del lavoro
– come sono evolute le carriere da 20 anni fa ad oggi
– che peso ha al giorno d’oggi il lavoro “artigiano”, rispetto al lavoro “di mente”: knowledge worker dissociati dalla manualità o recupero del fare con le mani?
– e cosa vuol dire lavoro artigiano soprattutto per le imprese del Nordest?

Micelli ha raccontato che negli Stati Uniti c’è un dibattito aperto sul tema del lavoro artigiano:
– libri
– riviste (Make)
– fiere (Make Fair)
– fab lab
– riviste come wired

Il tema generale di questo dibattito è dunque la nuova economia manifatturiera, che arriva dopo la new economy digitale.
Uno degli spunti di riflessione è stato:
– la creatività contamina la grande impresa italiana? o rimane confinata alle piccole realtà?
– siamo il paese del saper fare, e il mondo si aspetta questo da noi. Siamo all’altezza?

Il dibattito è stato coinvolgente e davvero ricco di diramazioni socio-economiche che andrebbero approfondite. Intanto leggiamo il libro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...